Ecotecnologie R&D Srl
Laboratorio di Ricerca e Sviluppo

 

News

Ultimo aggiornamento: 10/03/2020

 


LA TEMPESTA PERFETTA

Ovvero, l’accelerazione di tre curve a crescita esponenziale che riguardano l’incremento demografico, i consumi energetici conseguenti , principalmente su fonti fossili, ed il degrado ambientale con conseguente cambiamento climatico.

Gli anni a venire saranno duri da affrontare poiché le variabili in gioco descritte sono difficilmente controllabili. L’incremento della popolazione mondiale dalla rivoluzione industriale ad oggi non ha presentato mai decrementi ; anzi per le migliori condizioni di vita che riguardano l’alimentazione , la sanità , le telecomunicazioni e le innovazioni scientifiche dall’800 ai nostri giorni la popolazione mondiale è sempre stata in crescita. La curva 1 da una visione di massima di tale situazione….

continua su PDF

 


RIUTILIZZATORE 3.0

 

Sistema Inverter Complesso in grado di controllare  energia cc da fonte rinnovabile , accumularla in maniera corretta in batterie dedicate  e convertirla nello standard di distribuzione  monofase 230 Volt ac .

La macchina inoltre, la cui potenza raggiunge i 10kW alimenta utenze Enel con contratto sino a 6 kW monofase.

Le compensazioni notturne o con produzioni FTV minimali (Novembre – Dicembre – Gennaio – Febbraio) avvengono tramite prelievi dalla rete che non superano mai 1 kW. La miscelazione dell’energia da fonte rinnovabile e dell’energia di rete avviene in maniera automatica attraverso microprocessori digitali che analizzano svariati parametri , tra cui tensione batterie , produzione FTV , consumi interni e temperatura esterno macchina. Tali controlli continui h24 ci consentono di operare con prelievi da rete che vanno da 50Watt (consumo elettronica interno macchina) a max 1kW (compensazione da rete nel rientro sulla curva di scarica delle batterie).

La singola batteria viene gestita su parametri che vanno da 12,5 a 13,5 Volt cc su armadi che contano 20 unità convenzionali ( 240 Volt cc nominali  -AGM – Piombo Acido – 24kWh nominali ). Sono operativi impianti con Riutilizzatori 3.0 da oltre 3 anni . 

Le garanzie sull’elettronica e sulle batterie sono state estese a 5 anni.

Vedi preventivo su PDF

IL MOTIVO PER CUI E’ NATA QUESTA NUOVA MACCHINA

Quali sono le motivazioni per cui ci si dovrebbe isolare dalla rete per auto produrre ed auto consumare l’energia prodotta da fonti rinnovabili. In fondo la rete elettrica, sostanzialmente gestita da Enel, dà la sensazione di sicurezza e stabilità.

Chi sino ad ora ci ha venduto impianti fotovoltaici ha sempre messo in primo piano l’aspetto economico di tale investimento. Attualmente chi vende impianti fotovoltaici predilige i sistemi d’immissione in rete con accumuli minimali e bollette elettriche nonostante tutto molto alte.

Avere una casa totalmente autonoma dal punto di vista dell’energia non è solo un risparmio sulle bollette.

E’ un traguardo di sicurezza sul futuro che solo in pochi si possono permettere. E’ una scuola di pensiero se si considera la metodologia da noi seguita.

E’ una forma mentis se si considera la capacità di gestire l’impianto che ci rende liberi dai vincoli e dalle prevaricazioni delle multinazionali dell’energia.

Considerare la casa dove viviamo, con tutti gli elettrodomestici che ci facilitano la vita e rendono comode le nostre giornate, come un guscio dove rifugiarci è istintivo . Una piccola astronave che autonomamente può sopravvivere ad ogni calamità e ad ogni inaspettato evento. Un luogo dove l’energia viene prodotta, consumata e accumulata in un equilibrio dinamico perpetuo.

Per operare in piena autonomia una casa ha bisogno di energia, acqua e collegamenti wireless con il mondo esterno.

Alla Ecotecnologie , dopo anni di continui miglioramenti ,siamo arrivati ad avere un impianto stabile , sicuro quasi  totalmente isolato dalla rete elettrica che ci consente di alimentare sia l’utenza che il laboratorio di progettazione e realizzazione schede di funzione delle macchine Riutilizzatrici.

Inoltre possiamo:

  1. a) estrarre acqua dal sottosuolo roccioso (cento metri di profondità) con una trivella da 2CV.
  2. b) climatizzare l’intera struttura sia in estate che in inverno con climatizzatori da 1kW Panasonic.
  3. c) Cucinare elettrico con piani cottura e forno a microonde
  4. d) Mantenere in pressione l’impianto idrico attraverso motori da 0,5kW
  5. e) Avere acqua calda sia in estate che in inverno con un solare termico supportato da resistenza da 1,5kW
  6. f) Alimentiamo all’occorrenza compressori ad aria bicilindrici da 1,5kW e saldatrici ad elettrodi da 1,5kW, oltre a stazioni dissaldanti ed apparecchiature elettroniche da laboratorio.
  7. g) Abbiamo connessioni wireless di ultima generazione e sistema di sicurezza con telecamere attive h24, oltre naturalmente tutti i piccoli elettrodomestici che è inutile elencare.

 

COME SI GESTISCE UN IMPIANTO TOTALMENTE IN ISOLA

Un impianto siffatto non è complicato gestirlo basta sapere quali sono i punti cardine a cui dobbiamo fare riferimento.

1) Innanzitutto l’impianto è costituito da una macchina da 10kW che ci consente di operare in sicurezza nella contemporaneità dei carichi inseriti.

2) La produzione è costituita da 20 moduli fotovoltaici policristallini da 300Wp per un totale di 6kWp che normalmente producono tra i 15 ed i 25kWh al giorno tra inverno ed estate.

23) La regolazione avviene tramite quadro diodi e scheda di gestione della finestra

operativa delle batterie che và da 270 e 260Volt cc –  A carichi inseriti l’impianto opera intorno ai 250 Volt cc

4) Le batterie sono costituite da 2 armadi parallelati, in ognuno dei quali vi sono 20 batterie AGM al piombo acido 12 volt 100Amph senza manutenzione. Per un totale di 40 unità da 12 Volt 100Amph. L’accumulo nominale è di 48 kWh – Sfruttabile al massimo 15-20kWH che ci consente sempre di arrivare a coprire la fase notturna senza intaccare in profondità la capacità delle batterie-

La mattina una scheda wireless ci consente di leggere la tensione delle batterie dentro casa senza andare nel locale tecnico lontano dall’abitazione. In condizioni normali la tensione si allinea intorno ai 248-250 volt cc

Durante il giorno la tensione sale anche in presenza di carichi inseriti sino a 265 Volt . Questo ci consente di operare con i carichi pesanti come la trivella e i forni di cucina e le piastre a micro onde. Naturalmente tutti i carichi pesanti possono di giorno essere inseriti a qualsiasi ora poiché ciò che non arriva dal fotovoltaico arriva dall’accumulo in un procedimento algebrico di dare e avere che ha come scopo primario alimentare il carico ed infine di mantenere alta la tensione delle batterie in quella fascia di sicurezza che abbiamo descritto. Tutti i processi sono

automatici e l’operatore deve solo saltuariamente osservare il buon funzionamento dell’impianto. Questo lo si può anche fare da remoto tramite app da applicare sul telefonino. La sera quando la produzione comincia a calare i carichi applicati sono quelli convenzionali e le batterie fanno la loro parte consegnando l’energia disponibile per superare la fase notturna. La fase notturna è quella di minor consumo dato che sono attivi solo le luci ed i motori che mantengono in pressione l’impianto idrico i frigo ed i controlli di sicurezza. Qualsiasi evento possa succedere fuori dalla nostra capsula di energia non ce ne accorgiamo neanche. La nostra utenza tutelata dal guscio energetico che abbiamo creato, oltre al totale

risparmio sulle bollette , accise, tasse e kWh non dovuti, ci conferisce sicurezza oltre ogni limite ed impegna la rete meno di 1/5 di una normale utenza domestica.

 

Questo è la visione di un mondo prossimo futuro che stiamo creando.

 

Giuseppe De Santis


Vedi le nostre ultime realizzazioni


 

Impianti su misura per:

  • privati
  • piccole, medie e grandi imprese
  • edifici pubblici (comuni, ministeri, ospedali etc.)

Soluzioni e prodotti all’avanguardia!

Progettazione GRATUITA degli impianti

Servizio di Installazione presente su tutto il territorio nazionale

Servizio di Assistenza dedicato su richiesta

Ultimo impianto ad isola totale a Siracusa

La stringa nella foto è posizionata a 90 gradi Ovest per incentivare la produzione a tramonto e nel periodo invernale con sole basso all’orizzonte.


In questa analisi vogliamo mettere in evidenza le differenze tra sistemi di accumulo presenti sul mercato (prevalentemente con inverter d’immissione in rete) ed i sistemi di accumulo della Ecotecnologie legati ad impianti con scambio sul posto.
Infatti esistono innovazioni (ancora poco conosciute) da noi create, che danno grandi vantaggi sia all’utente che alla rete di trasmissione elettrica nazionale.
La Ecotecnologie con la metodologia ibrida e super ibrida fa la differenza tra ciò che propone attualmente il mercato ed il futuro dei sistemi di produzione da fonte rinnovabile con accumulo.Quello che la Ecotecnologie ha realizzato è un sistema d’accumulo dinamico che decide autonomamente di accumulare e/o sconnettersi dalla rete quando la produzione da fotovoltaico raggiunge e supera in potenza I consumi dell’utenza, e la sera riutilizzare tale energia di surplus accumulata.Esistono due metodologie che ci consentono di sfruttare i generatori ecocompatibili sino al 100% della produzione senza prelevare e/o conferire alla rete neanche un watt.
Clicca qui per continuare a leggere ->



“Un nuovo modo di pensare l’energia”

Clicca qui per scaricare il pdf

Cosa aspetti? Guarda le nostre soluzioni oppure chiedi subito un preventivo gratuito!


Ultima installazione con dismissione di impianto GSE con Metodo Ibrido e Riutilizzatore

Ultimi impianti installati in Emilia Romagna

Ultimi impianti installati in Piemonte